Archivi categoria: Senza categoria

Coronavirus. Analisi del Medico Ospedaliero di Terapia Intensiva

Coronavirus. Analisi del Dott. Samuele Ceruti, MD  Medico Ospedaliero – Servizio di Medicina Intensiva Medico d’Urgenza – Croce Verde Lugano – Specialista FMH in Medicina Intensiva -Specialista FMH in Medicina Interna – Specialista SSMUS in Medicina d’Urgenza Specialista – SGUM in Ecografia d’urgenza (POCUS).

Covid-19

Il documento in .pdf è scaricabile da questo link https://drive.google.com/file/d/1HP5AGTB-HIbdL-T7ob33BDl8giAJPIY0/view

 

 

Esposizione umana all’alluminio e sclerosi multipla

Tratto dalla pagina FB della Dottoressa Loretta Bolgan.
Ultima pubblicazione del prof. Exley!
L’esposizione umana all’alluminio è una questione in espansione. Il cervello è un lavandino per l’alluminio disponibile sistemicamente e un bersaglio putativo di neurotossicità. Un numero crescente di studi continua a confermare la presenza di alluminio nel tessuto cerebrale umano, sebbene principalmente in relazione a donatori deceduti per un disturbo neurodegenerativo o del neurosviluppo.
Qui, abbiamo misurato l’alluminio nel tessuto cerebrale nei donatori che sono deceduti a causa di una malattia o condizione specifica senza però mostrare alcuna neurodegenerazione. I donatori sono stati diagnosticati come non affetti da sclerosi multipla. Qui, questi nuovi dati vengono confrontati con dati recenti sull’alluminio nel tessuto cerebrale nella sclerosi multipla. I tessuti cerebrali di tutti e quattro i lobi sono stati ottenuti dalla banca del tessuto della Multiple Sclerosis Society. I tessuti sono stati digeriti mediante digestione acida assistita da microonde e il loro contenuto di alluminio è stato misurato mediante spettrometria di assorbimento atomico con forno di grafite riscaldata trasversalmente. Entrambi sono metodi consolidati nel nostro laboratorio.
Analisi statistiche dettagliate sono state utilizzate per confrontare nuovi dati con dati recenti per la sclerosi multipla. L’alluminio è stato trovato nel tessuto cerebrale in ciascun donatore con un’alta percentuale di misurazioni (189/291), inferiore a 1,00 μg / g di peso secco.
I dati per tutti i casi (mediana e IQR) erano 0,74 (0,48-1,28), 1,23 (0,62-1,63), 0,84 (0,45-1,14) e 1,01 (0,62-1,65) μg / g di peso secco per occipitale, parietale, temporale e lobi frontali, rispettivamente. C’era una correlazione positiva statisticamente significativa tra il contenuto di alluminio del tessuto cerebrale e l’età del donatore. Il confronto dei dati per questo gruppo di non-sclerosi  multipla con i dati sull’alluminio cerebrale per i donatori che muoiono con una diagnosi di sclerosi multipla ha mostrato che quest’ultimo aveva un contenuto statisticamente significativo di alluminio cerebrale.
I dati confermano una precedente conclusione che il contenuto di alluminio del tessuto cerebrale nella sclerosi multipla è elevato e supportano il suggerimento che l’esposizione umana all’alluminio può avere un ruolo nell’eziologia della sclerosi multipla”.

https://m.facebook.com/story.php?story_fbid=1501664376648281&id=100004141980713

FLUORO e ALLUMINIO nell’AUTISMO

Il continuo aumento del disturbo dello spettro autistico (ASD) negli ultimi decenni sta causando un aumento delle preoccupazioni per la salute pubblica e socio-economiche. Un consenso suggerisce il coinvolgimento di fattori genetici e ambientali nell’etiopatogenesi dell’ASD. Il fluoro (F) è raramente riconosciuto tra i fattori di rischio ambientale dell’ASD, poiché gli effetti neurotossici del F non sono generalmente accettati. La nostra recensione mira a fornire prove della neurotossicità del F. Valutiamo il rischio di esposizione cronica al F nell’etiopatologia dell’ASD e studiamo il ruolo della disfunzione metabolica e mitocondriale, dello stress ossidativo e dell’infiammazione, dell’immunoeccitotossicità e della diminuzione dei livelli di melatonina. Questi sintomi sono stati osservati sia dopo l’esposizione cronica a F sia nell’ASD. Inoltre, mostriamo che il F con interazioni sinergiche con il catione metallico libero dell’alluminio (Al3 +) può rafforzare i sintomi patologici dell’ASD. Questo rinforzo ha luogo a concentrazioni diverse volte inferiori rispetto a quando agisce da solo. Un’alta prevalenza di ASD è stata segnalata da paesi con fluorurazione dell’acqua e da aree di fluorosi endemica. Suggeriamo di focalizzare la prevenzione dell’ASD sulla riduzione dell’assunzione di F e Al3 + della vita quotidiana.
Ringraziamo il Dottor Gerardo Rossi per la traduzione